BANDO 2020

Art. 1 – È indetta la 14a edizione del Festival cinematografico IFF – Integrazione Film Festival che si terrà a Bergamo e Sarnico (BG) dal 15 al 19 APRILE 2020.
Il Festival, promosso dalla Cooperativa Ruah in collaborazione con Lab 80 film e una rete di altri soggetti sostenitori, si propone come momento di incontro per la presentazione e promozione di film e video di ogni nazionalità e genere che affrontino i temi dell’integrazione tra persone, famiglie, popolazioni di diversa appartenenza culturale e provenienza nazionale.

Il Festival riserva particolare attenzione alle cinematografie emergenti, ai giovani cineasti e agli autori indipendenti.

Art. 2 – Possono essere iscritti film che:

  • –  documentino aspetti e avvenimenti positivi della realtà in mutamento, sempre più multiculturale, multi linguistica e multi religiosa, nonché le iniziative volte ad aumentare la conoscenza delle buone pratiche ad essa connesse in tal senso;
  • –  raccontino esperienze di convivenza possibile perché aperta al dialogo, al confronto reciproco, allo scambio e non timorosa nell’affrontare conflitti;
  • –  rappresentino modalità virtuose di inclusione, socializzazione e interazione interculturale.

Art. 3 – Il programma del Festival IFF Integrazione Film Festival si articola nelle seguenti sezioni:

  • –  Concorso internazionale per documentari della durata massima di 52 minuti.
  • –  Concorso internazionale per opere di finzione di ogni genere della durata massima di 20 minuti.

Art. 4 – L’ammissione al Concorso è deliberata insindacabilmente dalla Direzione del Festival attraverso la collaborazione di una Commissione di Selezione. Le opere per la selezione devono essere inviate entro e non oltre il 15 febbraio 2020.
Sono ammesse opere terminate dopo il 1 gennaio 2018. La commissione si riserva di prendere in considerazione opere precedenti alla data del 1 gennaio 2018 da inserire fuori concorso nel programma del Festival.

Possono partecipare opere già presentate in altri festival nazionali e internazionali. Non sono ammesse alla selezione le opere già iscritte alle precedenti edizioni del Festival.
Gli autori e/o i produttori delle opere ammesse come di quelle escluse saranno informati entro la fine di marzo 2020.

Art. 5 – Le opere ammesse saranno valutate da Giurie appositamente costituite che assegneranno i seguenti Premi:

a) premio di 1000 euro lordi al miglior documentario che, possedendo elevate qualità artistiche, corrisponda agli obiettivi culturali e divulgativi cui il Festival si ispira.

b) premio di 1000 euro lordi a miglior cortometraggio di finzione che racconti l’integrazione secondo gli obiettivi del Festival.
c) Premio di 500 euro lordi alla migliore opera realizzata da Istituti scolastici o singole classi del territorio italiano.

Le giurie si riservano la possibilità di non assegnare i suddetti premi. Le giurie si riservano anche di assegnare particolari Menzioni speciali.
Anche il pubblico presente in sala agli eventi di proiezione sarà invitato ad esprimere il proprio vincitore al quale attribuire la targa IFF – Integrazione Film Festival.

Art. 6 – La partecipazione alla selezione del Festival IFF Integrazione Film Festival può avvenire tramite iscrizione da effettuare entro e non oltre il 15 febbraio 2020 attraverso la piattaforma www.filmfreeway.com al costo simbolico di € 3,00 e sulla piattaforma http://festival.movibeta.com/. Tutte le opere giunte per la selezione verranno conservate negli archivi del festival a solo scopo di documentazione interna. L’iscrizione al festival comporta l’autorizzazione alla proiezione dell’opera durante la manifestazione e alle attività collaterali definite all’articolo 10.

Per informazioni: festival@iff-filmfestival.com

Art. 7 – I titolari delle opere selezionate per i concorsi dovranno far pervenire al Festival le copie di proiezione delle opere (in formato: DCP, Blu Ray, File HD) non oltre il 31 marzo 2020.

  • –  via upload digitale all’indirizzo festival@iff-filmfestival.com
  • –  attraverso posta ordinaria all’indirizzo del festival: Festival IFF Integrazione Film Festival, c/oCooperativa Impresa Sociale RUAH, via S. Bernardino 77, 24126 Bergamo (BG) – Italia.

Le spese di trasporto di tutti i materiali sono a carico dei partecipanti.
Per tutti i film in lingua non italiana selezionati dovrà essere fornita una versione sottotitolata in italiano o almeno in inglese, corredata di lista dei dialoghi in formato testo.

Art. 8 – Il festival si riserva di utilizzare estratti delle opere selezionate per una durata massima di 2′ (o il 10% dell’intera durata nel caso dei cortometraggi) per la messa in onda televisiva o in rete a scopi esclusivamente promozionali e non commerciali.

Art. 9 – Autori, produttori e distributori dei film e video selezionati e premiati alla 14a edizione del Festival IFF Integrazione Film Festival sono invitati a indicare nei titoli di testa dell’opera, sui materiali promozionali, stampati e su eventuali siti web ufficiali il logo ufficiale del festival, disponibile presso la segreteria o ottenibile scrivendo a festival@iff-filmfestival.com, e gli eventuali premi ricevuti.

Art. 10 – Le attività collaterali del Festival IFF prevedono il decentramento e la circuitazione non commerciale di una parte dei film iscritti al Festival. L’utilizzo delle opere individuate da parte di Cooperativa Ruah è limitato esclusivamente a proiezioni culturali e senza fini di lucro e comunque a condizioni da concordare con gli autori e/o i titolari aventi diritto.

Art. 11 – L’inoltro della domanda d’iscrizione al Festival comporta l’accettazione di tutte le norme contenute nel presente Regolamento. È responsabilità di autori, produttori, distributori o altri soggetti che presentano il film di essere legittimamente autorizzati ad iscrivere il film al festival.
I partecipanti stessi saranno responsabili della qualità e dell’integrità del file inviato, nonché della legittima proprietà delle immagini e delle colonne sonore utilizzate, o dell’uso delle stesse a norma di legge.

Il Direttore artistico ha il diritto di dirimere tutti i casi non previsti dal presente Regolamento, nonché di derogare dallo stesso in casi particolari e adeguatamente motivati.
Per ogni eventuale contestazione sul significato dei singoli articoli del Regolamento fa fede esclusivamente il testo originale in lingua italiana.

Per ogni eventuale controversia è competente il Foro di Bergamo.