Sostieni il nostro Festival

Sostieni la nostra campagna di crowfunding sulla piattaforma produzionidalbasso

Cosa è l’integrazione?

“…un lungo e difficile
gioco di pazienza”

“…un processo biunivoco che coinvolge la società d’accoglienza e i cittadini stranieri”

“…implica la mescolanza delle culture ed esclude la giustapposizione”

La quattordicesima edizione si terrà dal 20 al 24 ottobre 2020

I vincitori del FESTIVAL 2020

“I am Fatou”

di Amir Ramadan

Vincitore del 1° premio: SEZIONE CORTOMETRAGGI

Il cortometraggio “I am Fatou” di Amir Ramadan è stato selezionato per la sezione CORTOMETRAGGI della 14^ edizione del nostro festival, ricevendo il 1° premio (+ 1.000,00 €) assegnato dalla giuria con la seguente motivazione:

“Per aver ben rappresentato il desiderio e la capacità di collocarsi tra le molteplici lingue e culture di appartenenza utilizzando la musica come ponte dove far procedere, malgrado tutto, i propri sogni”.

Sinossi: Fatou è una ragazza italiana di 23 anni di ori- gine senegalese. Vive in un sobborgo di Roma con sua madre, che vorrebbe educarla secon- do le rigide imposizioni della sua cultura di origine. Fatou però sta cercando la propria identità, che combini il suo essere mu- sulmana e nera con la società italiana e, a differenza della maggior parte dei suoi coetanei, lo stigma sociale dell’immigrato è impresso su di lei, la isola e riduce le sue amicizie ad altri giovani figli di stranieri. La sua autentica passione e schermo contro i pregiudizi sta nel cantare: la musica è ciò che non la tradirà mai.

 

“Playground addiction”

di Carlo Furgeri Gilbert, Niccolò Rastrelli, Marzio Mirabella

Vincitoredel 1° premio: SEZIONE DOCUMENTARI

Il documentario “Playground Addiction” di Carlo Furgeri Gilbert, Niccolò Rastrelli, Marzio Mirabella è stato selezionato per la sezione documentari della 14^ edizione del nostro Festival, ed ha ricevuto il 1° premio (+ 1.000,00 €) assegnato dalla giuria con la seguente motivazione:

“Per essere riuscito a fare emergere in modo vivace, leggero e positivo, punti di forza e di criticità dell’integrazione, dando la parola ad un luogo, ad un’attività sportiva e ai suoi praticanti.”

Sinossi: Il basket di strada sta guadagnando sempre più popolarità a Milano e si stanno costruendo campi da gioco ovunque in città. Ma il campo da basket di strada è molto più di un luogo dove si pratica uno sport. È uno spazio in cui vengono sviluppati i temi di integrazione e conoscenza reciproca. Un luogo in cui viene creato un nuovo concetto di comunità. Dove diverse comunità imparano a conoscersi. I campi da gioco ospitano un’umanità diversificata, che in questo continuo dare e ricevere la palla conduce un’esperienza di reciprocità e fiducia verso una possibile coesistenza multiculturale.

 

“Vitiligo”

di Soraya Milla

Vincitore della MENZIONE SPECIALE alla memoria di Saad Zaghloul

l cortometraggio “Vitiligo” di Soraya Milla è stato selezionato per la sezione CORTOMETRAGGI della 14^ edizione del nostro Festival ed ha ricevuto la MENZIONE SPECIALE alla memoria di Saad Zaghloul assegnata dalla giuria con la seguente motivazione:

“Per essere riuscito a documentare, con poesia, senso artistico e… sulla propria pelle, l’imparzialità della natura e la bellezza della diversità.”

Sinossi: «Essere di culture miste significa attraversare continue ondate di dubbi». La vitiligine ti invita a sperimentare lo spazio mentale di due donne, entrambe immerse profondamente in un dibattito interno riguardante la loro apparenza esterna.

 

``Freunde``

V. Di Prima e L. Zammataro

Premio del pubblico sezione cortometraggi

Il cortometraggio “Freunde è stato selezionato per la sezione CORTOMETRAGGI della 14^ edizione del nostro Festival, ed ha ricevuto il premio del pubblico.

Sinossi: na storia di amicizia, nata durante le Olimpiadi del ‘36, è la base di questa elegia visiva. È un omaggio a una grande esperienza di umanità e fratellanza tra due grandi atleti che durerà fino alla fine dei loro giorni.

 

``La linea immaginaria``

di P. Bonfanti, A. Beltrame

Vincitore del premio del pubblico sezione documentari

Il cortometraggio “La linea immaginaria” di Paolo Bonfanti e Alessandra Beltrame è stato selezionato per la sezione DOCUMENTARI della 14^ edizione del nostro Festival, ed ha ricevuto il premio del pubblico.

Sinossi: “La linea immaginaria” è un film documentario girato a Zingonia, una località della provincia di Bergamo, abbastanza noto per un contesto sociale altamente multietnico e un’identità problematica. Il film segue le attività di un progetto chiamato “Un’onda bellissima”, incentrato sui giovani e caratterizzato da seminari sportivi e artistici.

 

PROGRAMMA DEL FESTIVAL

Edizioni passate del festival

Lorem ispum dolor si amet lorem ispum dolor si amet

2017

2017

Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

2016

2016

Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

2015

2015

Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Sostieni il nostro festival

Siamo un piccolo festival che si occupa di grandi temi.
Ogni piccolo gesto di solidarietà renderà un po’ più grande “IFF – Integrazione Film Festival”

Sostieni la nostra campagna di crowfunding sulla piattaforma produzionidalbasso